Tina De Stefano - artista ritrattista potenza


Vai ai contenuti

Recensioni

terracotta patinata

… Le figure di Tina De Stefano escono di prepotenza dalla materia alla ricerca della loro definizione , squarciano le tenebre del nulla per proporsi alla vita che è passione, ansia, ascesi e cadute, realtà e sogno, lacrime e gioia, ma soprattutto, fatica di essere e di vivere.
La materia stessa parla il suo linguaggio tecnico, raffinato ed elegante, che riesce a vestire i protagonisti dell’invenzione con i bagliori policromi della ceramica e con la luminosità patinata che emerge dal soffio che l’arte riesce ad imprimere all’argilla.
G. Monaco
…Plasticità resa viva in meravigliose bozze d’allegoria emblematica.
M. Prisco
… L’arcaismo formale si va liberando in una tensione umana, dolorante, poetica .Espressione autentica, viva , sentita.
G. A. Leone
Dare alla materia una fisionomia, una voce, un’anima è il sogno di ogni artista. C’e’ chi, in questo faccia a faccia con la materia riesce come per incanto a fissare tratti che significano il sentimento interiore; il caso di Tina De Stefano mi sembra essere tra quei fortunati , che senza pretendere altro, possono dire: ci sono riuscito.
B. Pannella
… Nessuna indulgenza alle ipocrite incensazioni, che spesso rivestono penosi risvegli , ma nessun eccesso di modestia di fronte al reale valore degli uomini specie quando si fa specchio di una sensibilità collettiva e al contempo umile e grande.
Queste due qualità ci pare si colgano entro la ricca vita interiore dell’artista potentina Tina De Stefano , dotata di quella personalità che trova concretamente speculare riscontro nell’afono e pur tanto eloquente prodotto delle sue abili mani.
Infatti pur essendo una ritrattista dal riporto fedele, Tina trasferisce questa sua eccezionale abilità dal lapis e dal carboncino alla creta, che plasma e modella con intensa espressività, producendo opere in terracotta patinata, ceramica policroma e bronzo.
Il livello specialistico raggiunto dall’artista è dovuto agli importanti eventi formativi percorsi, perché tutti concorrenti al potenziamento di doti istintive, comunque bisognose di disciplina e di coscienza di indirizzo.
… Lei, però, su questo terreno è ormai una certezza avendo partecipato a numerose mostre personali e collettive da cui ha riportato lusinghieri giudizi di critica e di pubblico.
Né questo ci meraviglia, infatti filtra qualcosa di vitale nei volti espressivi plasmati dall’artista, quasi si scorgesse in quella bruta materia una scheggia di schellinghiana
coscienza pietrifica, come si può evincere dalle sue opere…
Tra tutte le attività umane nessuna svolge una funzione più delicata e creativa dell’arte, quando poi questa riesce ad emozionare vuol dire che siamo al cospetto di artisti veri, siamo in presenza di Tina De Stefano.
L. Attorre








Torna ai contenuti | Torna al menu